L’amore è tutto…

“Che fare di tutto quello che ci manca e che ci perseguita? Quello che abbiamo sognato quando eravamo piccoli per colmare il nostro niente, quello che abbiamo rincorso e sperato e buttato via solo perché non era esattamente quello, non era lui, non era lei, non era questo che sognavamo quando eravamo bambini.

Che fare della paura che ci portiamo dentro perché se amiamo poi perdiamo il controllo e ci sentiamo soffocare e lui se ne approfitta? E allora è meglio una “relazione col tagliando”, almeno così non ci innamoriamo, e lui non si appiccica, e nemmeno noi, e nessuno diventa ingombrante, con quella voglia di capire se ci ama davvero e quanto ci ama e se ci ama anche se abbiamo un ictus e restiamo per vent’anni su una sedia a rotelle, come mio nonno che per venticinque anni non ha più parlato e la nonna lo accudiva e lui talvolta si arrabbiava ma non riusciva neppure a dirglielo.”

Da “L’amore è tutto: è tutto ciò che so dell’amore” (p. 115) che ormai esce tra pochi giorni…

41BPcaO9lWL._AA160_

Questa voce è stata pubblicata in Articoli in Italiano e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

28 risposte a L’amore è tutto…

  1. newwhitebear ha detto:

    Un bel incipit …non c’è che dire.
    Auguri per un bel successo.

  2. Viviana ha detto:

    come se l’avessi già comprato!🙂

  3. damiano biscossi ha detto:

    Amare con la porta aperta :seduti su una sedia di paglia esposti al vento “stando” sperando di imparare a tessera la tela perche si puo imparare anche dalle altrui difficolta oltre che delle proprie….tenendo un occhio a quellq porta che si puo chiudere. Sei nella tua stanza con i tuoi libri il tuo albero di natale i tuoi cani….resti tu e il ricordo di quella porta aperta che prima o poi si aprira di nuovo….ma hai le tue emozioni con te. Grazie michela!

  4. agrimonia71 ha detto:

    Davvero l’amore è tutto.
    Tutto si fa con amore, almeno la maggior parte delle volte.
    In bocca al lupo per il suo nuovo libro

  5. flameonair ha detto:

    Mi auguro che il suo nuovo libro sia valutato per la profonda bellezza che le sue parole e i suoi pensieri generano. In bocca al lupo!

  6. Daniela ha detto:

    Le tue parole sono sempre un bel regalo In bocca al lupo per il nuovo libro, parlo di te appena posso, ancora troppe persone non ti conoscono purtroppo, un abbraccio, Daniela

  7. Pingback: L’amore è tutto… | Michela Marzano | alessandrapeluso

  8. diegod56 ha detto:

    Le frasi sono bellissime, la penna dell’autrice è di grande qualità.
    Però nutro un dubbio.
    La parola «tutto» è un po’ troppo estensibile, avvolgente d’ogni possibile prospettiva. D’accordo, l’amore «è tutto», ma siamo sempre al punto di partenza: se è tutto, che cos’è questo «tutto»?

  9. Barbara ha detto:

    L’amore è davvero tutto e non ci si stanca mai di dare alla persona che amiamo e più doniamo più gioia sentiamo invaderci dentro e non ci sembra di aver fatto abbastanza……..
    Aspetto con ansia l’uscita del tuo nuovo libro e già so che troverò tanto di me in ciò che leggerò, come nei precedenti scritti, in cui hai saputo dar voce a quello che sento dentro e che ho vissuto sulla mia pelle!
    P.S. Ti aspetto a Mantova al festivaletteratura ascoltarti mi arricchisce e il tempo vola e vorrei fermarlo per la gioia che ne ricevo! Un abbraccio Barbara

  10. sergio bosco ha detto:

    Pensavamo che la fuffa di Alberoni fosse ineguagliabile; poi apparve Michela Marzano…

  11. chiara crovato ha detto:

    troppo complicato parlar d’amore. sentirne parlare talvolta annoiante. sembra che insieme al far da mangiare sia diventata l’unica possibilità dell’umano genere, in realtà tutto serve, ma nulla è tutto e nulla è esaustivo. lo leggerò comunque.

  12. mimarzano ha detto:

    Solo una precisazione, il titolo è un verso di una poesia di E. Dickinson🙂

  13. driuorno ha detto:

    L’ha ribloggato su BABAJIe ha commentato:
    Mercì Beaucoup !

  14. Pablos ha detto:

    . …ma l’Amore per i Bambini, i Figli, è ancora di più….

  15. Antonia Mattiuzzi ha detto:

    Non lascio più un commento vito che l’ultimo è stato cancellato.

    • mimarzano ha detto:

      mi sembra strano visto che non cancello mai niente… la sola cosa che accade, talvolta, è che non mi connetto e quindi non “modero” i messaggi… se comunque il messaggio non c’è più mi dispiace molto…

  16. Cristina ha detto:

    …Grazie…

  17. Alberto ha detto:

    20 agosto 2013…auguri…

  18. patrizia ha detto:

    Cara Michela ti faccio i miei complimenti per tutto quello che fai e ti ringrazio per tutto il bene che trasmetti. Mi piacerebbe anche a me saper chiamare le cose e sopratutto le emozioni con il loro nome.. ma forse io ho un’altro tipo di dono.. lo spero. Ti mando una carezza🙂 Patrizia
    PS meglio di così la paura di amare non poteva essere descritta😉

  19. Grazie, per quello che ho condiviso nei tuoi libri nel lungo viaggio della consapevolezza insieme alla mia amica Raffaella

  20. Gloria ha detto:

    Sto soffrendo, leggere le tue (scusa se mi permetto di darti del tu…) parole mi ha fatto sgorgare qualche lacrima… sono stata lasciata poco più di un mese fa… quindi ho perso il mio amore. Che fare in questi casi? So che è capitato a molti, che non è la fine, che non devo abbattermi, che esistono dolori più grandi… ma tutto ciò non mi dà conforto. Non sono più giovanissima, eppure non riesco a far fronte, come vorrei, a questi accadimenti… Leggerò il tuo libro, magari troverò un po’ di forza tra quelle pagine… Grazie

  21. rosannatufo ha detto:

    Non vedo l’ora di leggerlo! La presentazione promotte molto bene e già è capace di lasciare il segno. Dopo “volevo essere una farfalla”, apprezzo molto la tua scrittura e il tuo approccio alla condivisione. Un semplice libro che mi ha dato tanto, e che continuo a tenere sul comodino. E ora è il momento di fare un nuovo viaggio attraverso “l’amore è tutto.” Grazie Michela.

  22. martina paolo ha detto:

    Ho 21 anni, ho letto il libro in 3 ore senza interruzioni. Molto interessante l’inizio con le varie citazioni che sono state riportate. peccato per il finale, una conclusione molto personale e soggettiva che non ha molto da trasmettere al lettore.
    Una lettura poco impegnativa e piacevole da leggere, ovviamente con le varie interpretazioni e opinioni che ognuno può avere riguardo l’amore in base alle proprie esperienze, io mi sono trovato d’accordo con la maggior parte dei punti del libro.
    Grazie,saluti.

  23. Anna ha detto:

    Amare, amarsi e essere capace di sentirsi amati. Ecco i tre modi dell’amare. Amare mi richiama l’angoscia della bellezza, il conflitto estetico di chi tende alla bellezza nella sua dimensione di trasformativita’. Una trasformativita’ progettuale che richiede di attraversare l’incartezza. Una bella sfida…

  24. monica ha detto:

    ciao Michela,
    è la prima volta che scrivo in un blog e con i social network ho poca dimestichezza ma mi viene spontaneo darti del tu..ho finito di leggere il tuo libro ieri sera .. in questo periodo così delicato della mia vita in cui è finito un grande amore leggere le tue parole è stato un momento di forte condivisione. la semplicità , la chiarezza e la consepevolezza con cui descrivi certe emozioni, non possono non toccare chi sta facendo i conti con un “vuoto”..ora io cammino in attesa e incrocio le dita.. Grazie alla prossima

  25. paola ha detto:

    una tazzina di ipercontrollo

    gentile professoressa Marzano, sono rimasta molto su un tratto del suo libro. quando parla di tazzine fuoriposto e calzini sporchi ai piedi del letto. E’ vero che noi donne spesso siamo ipercontrollanti perché è il nostro modo di restare in equilibrio, ma dove inizia questo ipercontrollo e dove invece sono gli uomini ad approfittarsene?
    Quando la distrazione e la diversità che dovremmo accettare (per amore?) significa restare a secco su una via sperduta perché lui si è dimenticato di mettere benzina per l’ennesima volta, quando un bebè ruzzola sui gradini perché si è dimenticato di allacciarlo al passeggino, quando al mattino si trovano le chiavi di casa alla toppa, restate lì tutta la notte, sul pianerottolo alla mercé di chiuunque…allora è ipercontrollo se lei tenta di gestire queste distrazioni?
    La diversità è una gran cosa quando non pende tutta da una parte, no?
    L’ipercontrollo non è anche un modo di compensare la mancanza dell’altro oltre ad essere un atteggiamento compulsivo?
    i calzini ai piedi del letto danno fastidio, ma ci si può passare sopra. Ma distrazioni gravi pericolose e reiterate?

    Nel testo non ho compreso la ”soluzione” a questo busillis,
    Paola

  26. Emilia ha detto:

    Il suo libro ”L’amore è tutto” mi ha molto colpita, mi ha fatto immedesimare, incuriosire, arrabbiare e spinta a riflettere. L’ho divorato in cerca di risposte. Arrivata alla fine però “E poi ho scoperto che c’era altro. Un altro amore. Grande grande.”
    Nooo, UN ALTRO AMORE?!?! Cos’è UN ALTRO AMORE?
    Nel senso di TIPO di amore, come maturo, consapevole…
    Poi ho riletto, e ho pensato che UN ALTRO AMORE stesse per NUOVO amore, nel senso che ogni volta è diverso, migliore…
    Poi ho riletto l’intero capitolo e mi sono fermata su C’È ALTRO.
    Cos’è ALTRO? Cosa ci può essere? Tutto il libro a spiegarci cosa è e non l’amore e quanto non conosceremo mai l’altro.
    E così ho pensato che ALTRO fosse VITA! La VITA da vivere e che l’AMORE sia solo un filtro, anzi IL filtro, che ci fa scoprire noi stessi. Perché l’AMORE contiene tutto gioia, dolore, passione, attesa, silenzi…
    E allora la conclusione ha senso, perché non si può avere TUTTO, ma se l’AMORE è TUTTO…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...